La Regione fornisce i dati Covid su Bollate

3616

In seguito alla richiesta avanzata dal Sindaco Francesco Vassallo, Regione Lombardia ha inviato, questa mattina, i dati del trend dei contagi di Bollate che hanno portato all’inserimento in fascia rossa della nostra città, fino al prossimo 3 marzo.

Dalla lettura dei dati si evince che l’indicatore determinante per la decisione è stato l’incidenza dei nuovi casi che, superata la soglia di 250 ogni 100mila abitanti, fa scattare la zona rossa: a febbraio la soglia è stata superata più volte.

Approfondiamo…

Per un raffronto pubblichiamo anche l’elaborazione periodica fatta dal Prof. Simone Sarti, bollatese e docente di Metodologia della Ricerca Sociale all’Università Statale di Milano, sui dati pubblicati da A.T.S.

Le elaborazioni riguardano gli andamenti relativi alla pandemia in generale e, nello specifico, ai decessi, ai ricoverati e ai positivi COVID-19 dei bollatesi. Ecco i grafici che ci ha fornito il professore e che riguardano i vari aspetti:

Analisi generale sull’incidenza del Covid dall’1 ottobre 2020


Si nota un incremeto della curva dei contagi assoluti in maniera costante nelle ultime settimane. Resta sempre alto e con trend crescente da dicembre a oggi, il numero dei decessi in tutto il periodo. I ricoveri, invece, hanno subito una lenta riduzione ma si nota un accenno alla crescita nell’ultimo periodo.

Analisi sulle persone decedute

Il numero di deceduti ha subito una crescita consistente da novembre in poi. Anche i dati dell’anagrafe comunale evidenziano e confermano un aumento della mortalità nella nostra città con un + 60 deceduti nel 2020 rispetto all’anno precedente.

Analisi sulle persone positive e ricoverate


 

 

Il numero dei positivi non si ferma e il trend è in costante aumento come anche il numero dei ricoveri

Una risorsa in più

Per rimanere costantemente aggiornati è possibile consultare il report che quotidianamente viene aggiornato sul sito di ATS. Anche da questi numeri si evince l’andamento dell’epidemia nel Comune di Bollate e la situazione rispetto ai Comuni limitrofi.

Per restare aggiornato, clicca qui.