La pergamena del Comune a un’insegnante e alla sua studentessa. Leggi la storia…

720

Si chiamano Annamaria Valzasina, insegnante elementare, e Giulia Di Vito, studentessa ora al primo anno di scuola secondaria di primo grado, e ieri 1 marzo, in sala Giunta, hanno ricevuto la pergamena di riconoscimento da parte del Sindaco Francesco Vassallo e dell’Assessore alle Politiche educative Ida DeFlaviis, alla presenza del Dirigente scolastico dell’istituto Rosmini Salvatore Biondo (presenti anche la mamma di Giulia e del marito di Annamaria).

Un momento voluto da Sindaco e Assessore dopo aver ricevuto da Giulia una lettera, precedentemente inviata anche al Presidente della Repubblica Mattarella, in cui si parlava del sacrificio e dell’impegno della sua maestra che non ha mai abbandonato i suoi doveri scolastici, neppure durante il Covid e la sua malattia. Dopo il riconoscimento della Presidenza della Repubblica, avvenuta nel 2021, anche il Comune di Bollate ha deciso di ringraziare Giulia e Annamaria per dare un rinnovato segnale di attenzione dell’Amministrazione sia ai giovani che alla scuola. E per valorizzare una bella storia che fa bene a tutti.

“Abbiamo voluto consegnare il nostro riconoscimento – hanno spiegato il Sindaco e l’Assessore – per confermare la nostra attenzione al mondo della scuola e dei giovani. Oggi, in particolare, superato il periodo più duro dell’emergenza pandemica, ci piace ricordare chi ha dedicato tempo e forze, anche in condizioni avverse come quelle vissute da questa insegnante, per l’educazione e la formazione dei ragazzi. E contemporaneamente, evidenziare come proprio i nostri giovani, spesso bistrattati, hanno saputo, in momenti difficili come quelli vissuti all’inizio del Covid, guardare oltre le loro emergenze quotidiane per vedere e valorizzare i valori che li circondavano. Insomma, una bella storia italiana che ci piace valorizzare come stimolo ed esempio per tutti”.

Ecco i testi delle pergamene consegnate dal Sindaco e dall’Assessore:

Ad Annamaria Valzasina: Un sentito riconoscimento per la sua inesauribile dedizione all’insegnamento e la costante presenza per la formazione dei suoi giovani studenti

A Giulia Di Vito: Un sentito riconoscimento per la sensibilità e la determinazione dimostrate nel rendere pubblico il lavoro e la forza della sua insegnante. L’impegno dei giovani, a qualsiasi livello, è uno stimolo fondamentale per una comunità più consapevole e partecipativa.

A concludere la consegna, le parole del Dirigente Biondo che ha posto l’accento sul lavoro eccellente di tanti insegnanti durante la pandemia e sull’importanza di fare tesoro del periodo vissuto, salvando gli aspetti positivi che se ne possono trarre.