Il Centro Diurno Integrato di Bollate partirà a settembre

30

L’ASST informa che partirà da settembre il Centro Diurno Integrato (CDI) di Bollate. Il servizio sarà attivato negli spazi che l’ASST Rhodense ha messo a disposizione del Comune di Bollate per i mesi di giugno, luglio e agosto per ospitare temporaneamente l’attività del CDD (Centro Diurno Disabili), gestito da Comuni Insieme e che da settembre saranno liberi.

Al Centro Diurno Integrato di Bollate potranno accedere persone di età superiore ai 65 anni, non autosufficienti e/o affette da decadimento cognitivo che mantengano la capacità di movimento e che risultino in grado di essere trasportate e riaccompagnate quotidianamente al domicilio, anche mediante l’impiego di ausili.

La domanda di accesso al CDI può essere inoltrata dai familiari degli utenti, utilizzando la modulistica disponibile in formato cartaceo presso l’ufficio accoglienza della RSA Pertini e presso il PUA (Punto Unico di Accesso) della Casa di Comunità di Bollate, oppure scaricandola dal sito internet aziendale.

La domanda, completa della relativa documentazione, può essere inviata tramite mail all’indirizzo rsa.pertini@asst-rhodense.it oppure consegnata presso gli uffici amministrativi della RSA Pertini o presso il PUA della Casa di Comunità di Bollate. Il CDI sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 16.30.

L’assistenza agli utenti verrà assicurata attraverso l’intervento di una équipe multidisciplinare costituita da medico, infermiere, OSS, educatore e fisioterapista. I servizi erogati rispondono in maniera globale ai bisogni degli utenti, siano essi di natura sanitaria, assistenziale, psicologica o sociale. Il servizio ha come finalità il benessere dell’utente, ma nello stesso tempo permette alla famiglia di continuare a svolgere un ruolo attivo nell’assistenza, alleggerendo il carico assistenziale e fornendo una consulenza specialistica.

Per ogni informazione di dettaglio è possibile consultare la carta dei Servizi del CDI, disponibile sul sito internet dell’ASST Rhodense cliccando qui.