Centri estivi e Summer Life, Comune e Parrocchie scendono in campo

1912

Centri estivi e Summer Life, sono queste le due proposte educative per il mese di luglio che il Comune sta organizzando, malgrado le regole restrittive imposte dalle norme statali e regionali emanate a seguito dell’emergenza sanitaria. Le attività sono destinate alle fasce d’età 6-14 anni, in collaborazione con le cinque parrocchie bollatesi, e 3-6 anni, organizzate autonomamente dall’ente.

L’obiettivo è quello di andare incontro alle esigenze delle famiglie bollatesi, in particolare di quelle maggiormente fragili economicamente e che hanno impegni lavorativi esterni. Purtroppo i posti disponibili saranno di molto inferiori ai numeri degli anni precedenti a causa dell’applicazione dei protocolli di sicurezza richiamati dalle norme in materia di sicurezza Covid-19 ma lo sforzo organizzativo messo in campo potrà continuare ad offrire il servizio di qualità che in passato ha sempre suscitato ampio apprezzamento.

Le Parrocchie San Martino, Santa Monica e San Guglielmo in Bollate, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, presenteranno il progetto “Summer Life” domenica 14 giugno – alle ore 21.00 – sul canale YouTube della Parrocchia di San Martino e sulla pagina Facebook del Comune di Bollate mentre per la Parrocchia di San Bernardo e di Sant’Antonio di Padova la presentazione avverrà successivamente.

“Si tratta di proposte che stiamo organizzando nel difficile rispetto delle stringenti regole imposte dall’emergenza da Covid 19 – spiega il Sindaco Francesco Vassallo – e che, per questo, saranno destinate a un numero ridotto di bambini e ragazzi rispetto agli anni passati. Per l’Amministrazione si tratta di un ulteriore sforzo organizzativo ed economico provocato dall’emergenza sanitaria in corso ma grazie alla disponibilità degli oratori e dei parroci, che voglio pubblicamente ringraziare per quanto fatto, riusciremo ad andare incontro ai bisogni delle famiglie. Naturalmente non si potrà accontentare tutti per quest’anno: si partirà tenendo conto delle situazioni più bisognose e difficili, anche con l’aiuto del settore Servizi Sociali del comune di Bollate che ci aiuterà a comprendere e verificare le reali necessità. Nei prossimi giorni saremo in grado di fornire informazioni più dettagliate”.