A casa con l’Accademia Vivaldi. Per continuare a fare musica

87

Aule vuote e silenzio hanno riempito gli spazi dell’Accademia Vivaldi, presso la Scuola E. Montale, ma in questo tempo sospeso la musica dell’Accademia continua a risuonare dalle case dei suoi allievi.

Dai bimbi più piccoli, agli adolescenti, fino agli adulti, tra classica e moderna, alcuni hanno appena iniziato il loro percorso, altri sono ai corsi più avanzati, molti dovevano sostenere esami per le Certificazioni ABRSM, LCM/RGT e presso il Conservatorio di Novara.

È partito durante le prime due settimane di chiusura il programma “MUSICAinCHAT”, con l’avvio delle video-lezioni on line, stravolgendo tempi e modalità di lavoro. A febbraio non si poteva prevedere che la Scuola non avrebbe più riaperto, ma settimana dopo settimana anche la prospettiva di svolgere eventi e saggi sono sfumati.

La Direzione dell’Accademia Vivaldi ha così deciso di raccogliere una testimonianza di tanto impegno e dedizione, attraverso video-performance degli allievi che hanno voluto aderire al progetto “A casa con l’Accademia”. Si sono esibiti davanti ad una telecamera, utilizzando gli strumenti digitali a disposizione, coordinati dai loro docenti.

Video registrare un brano musicale è un altro passo per l’approfondimento dello studio: un’occasione di crescita. Prima di raggiungere un risultato soddisfacente si devono fare i conti con molte difficoltà: i mezzi digitali di cui disponiamo a casa, le caratteristiche timbriche di ogni strumento, il suonare su una base che non segue il fraseggio musicale dell’esecutore, l’accordatura degli strumenti (non solo per quelli ad arco, a fiato, a pizzico, ma anche per il pianoforte).

Inoltre errori e imprecisioni nell’esecuzione live passerebbero ma non qui, insomma per realizzare video brevissimi c’è un grandissimo impegno da parte degli allievi, e dei docenti che hanno messo a disposizione le loro competenze.

Tutta la documentazione sarà pubblicata a fine mese sul sito dell’Accademia Vivaldi, verranno poi realizzati video-clip tematici e assemblaggi rappresentativi dell’intero progetto. Si tratta di oltre 150 video, della durata da 1 a 3 minuti, liberi da mascherine e guanti, concentrati sulle note, si susseguono uno dopo l’altro, uno diverso dall’altro, uniti dalla grande passione per la musica, una testimonianza davvero emozionante.

Da un terrazzo, da un giardino, da una camera da letto, da un salotto… è bello immaginare questa energia vitale, che anima le nostre case, che non si ferma, che speriamo presto torneremo a vivere con l’emozione della performance live.

Perché la “La musica come la vita, si può fare solo in un modo: insieme”, come ci ha insegnato il grande M° Ezio Bosso.