25 marzo. Giornata mondiale del Teatro: Valori e Cultura per una comunità pacifica

1058

Dai 16 spettacoli del cartellone 2021/22 ai 18 spettacoli del 2022/23. Da un pubblico di 1.896 cittadini a ben 1.931 nella stagione in corso, con 4 spettacoli ancora da fare. Da 3.200 bambini per la stagione Scuole a Teatro 2021/22 ai 6.400 piccoli di quest’anno. Insomma La Bolla è, oggi, un progetto in crescita e una presenza cui i cittadini di Bollate, e non solo, si stanno affezionando.

Questi i numeri e le considerazioni emerse nel corso della Conferenza stampa tenuta oggi dall’Assessore alla Cultura Lucia Albrizio con l’obiettivo di presentare i dati di un progetto in crescita ma anche di celebrare, insieme ad Alessandro Audino, Vicepresidente dell’Associazione Teatro G.O.S.T. e Paolo Ascagni, Presidente U.I.L.T. l’imminente Giornata Mondiale del Teatro del 25 marzo 2023. Una giornata importante per la quale Comune e Associazioni hanno preparato un programma di appuntamenti lunghi tutto il giorno (clicca qui).

Per l’Amministrazione si tratta di una prima volta, ma l’intenzione è di celebrare questa giornata ogni anno. “Una data, quella del 25 marzo, che vogliamo ricordare – ha detto l’Assessore Albrizio – non solo perché abbiamo un bel teatro nella nostra città ma anche perché il Teatro è e deve essere un veicolo di valori positivi: di bellezza, di cultura, di socialità. E, in tempi come quelli che stiamo vivendo, persino di Pace”.

“Celebrare questa giornata con un programma dedicato a tutte e tutti – prosegue Albrizio – al fianco delle Associazioni del territorio, rappresenta per la nostra Amministrazione il sostegno a quei valori che la Cultura e l’Arte vogliono trasmettere. E in più è l’occasione per far meglio conoscere il nostro Teatro LaBolla la cui storia, lo ricordiamo, ha visto una nascita “faticosa”. È grazie alla determinazine dell’attuale Amministrazione se, oggi, LaBolla si è arricchita di un’anima”.

LA BOLLA TEATRO. Un po’ di storia
Dopo l’inaugurazione del nuovo teatro a fine 2019 parte il progetto “Dal nulla a LABolla, finanziato da Fondazione Comunitaria. Ma la stagione teatrale vera e propria inizia a gennaio 2020 con una programmazione varia e di qualità e un grande afflusso di pubblico. Ben 19 gli spettacoli programmati per il 2020, tra quelli per famiglie, piccolissimi e adulti, con la vendita straordinaria di 200 abbonamenti.

POI ARRIVA IL COVID… e la stagione teatrale si interrompe bruscamente il 23 febbraio. La ripresa del cartellone “Dal nulla a LABolla”, dunque, è sospesa e ripartirà solo nei mesi di novembre e dicembre 2021.

Nel 2022 si riparte alla grande con una programmazione che ha visto la realizzazione di spettacoli per tutti i gusti e per tutte le età: prosa, musica e famiglie. Il bilancio, ad oggi, è molto positivo con 90 abbonamenti venduti nella stagione gennaio/maggio 2022 e oltre 130 nella stagione 2022/23. Anche il numero di spettatori ai singoli spettacoli è in crescita, segnale che i bollatesi si stanno fidelizzando al loro teatro cittadino. In generale le presenze sono state: 1.896 cittadini nella stagione 2021/22 e ben 1.931 cittadini nella stagione in corso, con 4 spettacoli ancora da fare. Due gli spettacoli sold out di questa stagione (La cena dei cretini e Le nostre anime di notte) con 360 presenze l’uno.

Apprezzati e partecipati in modo particolare, gli spettacoli per bambini della domenica pomeriggio e ha avuto un grande successo la stagione Scuole a Teatro 2021/22 che ha registrato 3.200 presenze per 8 spettacoli; la stagione 2022/23 ha visto la presenza di 6.400 studenti delle scuole del territorio di ogni ordine e grado, per 10 spettacoli.

Si ricorda che LaBolla Teatro inoltre viene aperta in occasione di iniziative istituzionali o patrocinate dall’Amministrazione comunale (concerto della Banda, Benemerenze, e tanto altro) e viene anche affittata per iniziative proprie (in totale una decina di affitti, ad ora) da parte di Associazioni ed Enti del territorio. Anche la richiesta di affitto da parte di soggetti esterni pubblici o privati è, dunque, in costante crescita.