21 marzo. Giornata mondiale del teatro II edizione

54

Torna per la seconda volta a Bollate, la Giornata Mondiale del Teatro. Il 21 e il 23 marzo U.I.L.T. (Unione Italiana Libero Teatro) e G.O.S.T. (Gruppo Oratorio Spettacoli Teatrali), in collaborazione con il Comune di Bollate e altre realtà teatrali bollatesi, organizzeranno due giornate di eventi teatrali in diversi punti della città per celebrare questa giornata speciale che nasce dal desiderio dell’associazione culturale G.O.S.T. di festeggiare il mondo del teatro con tutta la cittadinanza, dopo il successo registrato dall’iniziativa dello scorso anno.

L’Assessora alla Cultura e Pace del Comune di Bollate, Lucia Albrizio, ha da subito appoggiato l’iniziativa: “Nel discorso dell’8 marzo il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dichiarato che: l’arte è un veicolo efficace e trainante di formazione e di trasmissione di valori della vita. È questo lo spirito con cui l’Amministrazione supporta e propone le tante e diverse attività culturali e artistiche sul nostro territorio. In particolar modo questa Festa, che vede coinvolte realtà teatrali della nostra città e che, soprattutto, vuole coinvolgere l’intera cittadinanza, offrendo a tutti la possibilità di vivere quest’esperienza non come spettatore ma da protagonista.”

La Giornata Mondiale del Teatro è stata creata a Vienna nel 1961, con lo scopo di incoraggiare gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione tra le persone di teatro, sensibilizzare l’opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell’amicizia tra i popoli, associarsi alla difesa degli ideali e degli scopi definiti dall’U.N.E.S.C.O.”.

Ogni anno, una personalità del mondo del teatro o un’altra figura conosciuta per le sue qualità di cuore e di spirito, è invitata a dividere le proprie riflessioni sul tema del Teatro e della Pace tra i popoli, il “messaggio internazionale”, e per il 2024 è stato scelto il norvegese Jon Fosse, drammaturgo e scrittore, insignito lo scorso anno del Premio Nobel per la letteratura.

Il messaggio internazionale del 2024 verrà letto prima dello spettacolo che andrà in scena presso il Teatro LaBolla sabato 23 marzo alle ore 21:00.

PROGRAMMA

La prima serata di giovedì 21 marzo vedrà il debutto di una nuova produzione G.O.S.T. dal titolo “Sotto il segno dell’arcobaleno”. Uno spettacolo a leggìo in occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Down che andrà in scena alle ore 21:00 presso la sala conferenze della Biblioteca di Bollate. L’ingresso è libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

Una storia che racconta di crepe, di diversità, di fragilità che si vogliono nascondere. Non rendendosi conto che ogni colore tracciato dall’arcobaleno rappresenta il coraggio di rialzarsi ogni giorno, dando un valore diverso alle emotività ed alle difficoltà che dobbiamo superare. E come l’arte del Kintsugi, il nostro vaso rotto ha ora una nuova storia, impreziosita anche con il colore dell’oro.

La festa di sabato 23 marzo seguirà due filoni principali: quello formativo e quello spettacolare.

In diversi luoghi di Bollate (Teatro LaBolla, Biblioteca, Auditorium Don Bosco), si potrà partecipare a laboratori e spettacoli rivolti a bambini, ragazzi, adulti e famiglie, per una giornata che inizierà alla mattina e si protrarrà fino alla sera con il coinvolgimento anche di altre realtà teatrali, sia di Bollate che di altre città della Lombardia.