Giornata della memoria 2024 sulle Strade partigiane

62

L’evento teatrale itinerante di Strade Partigiane ha ripercorso anche quest’anno il cammino della Memoria di Bollate, per scoprire e far conoscere luoghi, episodi e personaggi che hanno vissuto nella nostra città ai tempi della guerra e della Resistenza.

L’iniziativa dell’Amministrazione comunale, in collaborazione con Nudoecrudo Teatro e con la guida di Alessadra Pasi, si snoda sulle vie della città, partendo dall’ex Casa del Fascio sino a concludersi simbolicamente in Piazza della Resistenza. “Tra le suggestive note in cuffia di una malinconica fisarmonica, le testimonianze orali di memorie tramandate ed il racconto di chi visse sulla propria pelle quegli anni bui, ci si immerge e si recupera la Memoria storica locale emozionandosi – commenta Lucia Albrizio, Assessore alla Cultura e Pace”.

Il viaggio della Memoria si è completato in Archivio Storico comunale, dove gli studenti hanno incontrato attraverso i documenti le storie e le vite parallele di coloro che nel nostro territorio hanno subito le repressioni della guerra e di chi ha scelto la Resistenza.

 

 

 

 

 

RICORDIAMO INOLTRE…
Omaggio al Giorno della Memoria mercoledì 31 gennaio quando, dal palco de LaBolla Teatro, andrà in scena la storia di Eva Maria Levy e del suo violino “raccontata” in prima persona dallo strumento originale, unico “sopravvissuto” di questa storia all’orrore dei campi di concentramento. La narrazione sarà intercalata, sovrapposta e strettamente legata con l’esecuzione di quelle musiche che appartengono alla cultura ebraica e non solo.

IL VIOLINO DELLA SHOAH | Mercoledì 31 gennaio 2024 |ore 21:00
al violino Alessandra Sonia Romano
alla fisarmonica Nadio Marenco
voce narrante Elda Olivieri

Alla sapiente mano di Alessandra Sonia Romano viene affidato l’amatissimo violino, ritrovato e rimesso a nuovo, di Eva Maria Levy, una bambina ebrea che amava la musica, deportata ad Auschwitz e costretta a suonare per le SS tedesche. Lei non tornò più, ma il suo violino, e con lui la sua anima, è oggi tra di noi per ricordarci l’orrore della storia, di più di un popolo schiacciato.

INGRESSO LIBERO
Per informazioni: Ufficio Cultura del Comune di Bollate | 02.35005575 – 800.474747 | info@labollateatro.it – www.labollateatro.it