Tre fototrappole contro l’abbandono di rifiuti in città

1328

Circa 800 chilogrammi a settimana. È questa la quantità media di rifiuti abbandonati abusivamente nelle strade di Bollate e raccolti dal personale di Gaia Servizi. Rifiuti che gravano sulla collettività con costi che si potrebbero evitare e compromettono il decoro urbano. Così il Sindaco Francesco Vassallo, già dall’inizio dell’anno, ha fatto più appelli ai cittadini per un maggior rispetto delle regole e per il corretto smaltimento dei rifiuti attraverso i canali predisposti e le modalità previste, ma gli abbandoni non si sono ridotti. E così l’Amministrazione comunale ha deciso di stringere le maglie sul problema attraverso l’installazione di 3 fotocamere di controllo ambientale (AFC) dislocate in punti strategici della città.

Si tratta di un servizio sperimentale che durerà 6 mesi con l’obiettivo di contrastare i fenomeni di abbandono illecito di rifiuti sia nelle aree più isolate e di elevato valore ambientale, sia in zone centrali delle città e persino vicino ai cestini stradali. Le fototrappole sono dotate di sensore di movimento e in grado di riprendere immagini anche senza la luce naturale. Sono già state installate sul territorio in alcuni punti critici più volte segnalati dai cittadini e dagli operatori di Gaia Servizi srl.

“Ci auspichiamo – commenta l’Assessore all‘Ecologia Vania Bacherini – che questi strumenti, finalizzati a reprimere i comportamenti dei cittadini che non hanno alcun rispetto per la città e che non eseguono quotidianamente la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, permettano di individuare e sanzionare gli autori degli abbandoni. E che servano a innescare un circolo virtuoso di maggior rispetto delle regole”.