Nuova vita al Centro diurno integrato con il Giardino terapeutico sottoscritto dai bollatesi

889

Un “Giardino terapeutico” come nuovo servizio del Centro diurno integrato che i cittadini bollatesi potrebbero contribuire a realizzare attraverso una sottoscrizione pubblica di raccolta fondi. È questo quanto presentato dal Sindaco Francesco Vassallo nel corso del Consiglio comunale del 18 aprile scorso in cui è stata presentata e approvata la mozione inerente la possibilità per tutti di contribuire alla realizzazione del nuovo servizio del Centro diurno integrato presso il Presidio Ospedaliero di Bollate.

Con questo atto, il Consiglio ha chiesto alla Giunta comunale di attivarsi presso la direzione generale dell’ASST Rhodense per la realizzazione di un servizio integrativo, in aggiunta a quanto già previsto dall’Assessorato regionale alla Sanità e dal management dell’Ospedale. L’obiettivo dell’Amministrazione di Bollate è di lasciare ai posteri il contributo di tutta la comunità di Bollate e dei Comuni limitrofi che, in questi anni, insieme ai cittadini e al “Comitato per il CDI”, hanno lavorato con l’Assessore regionale Giulio Gallera e la direttrice dell’ASST Ida Ramponi alla realizzazione del CDI nella palazzina ex CUP della struttura sanitaria di via Piave.

Il Sindaco Francesco Vassallo, nel corso del suo intervento, ha espresso apprezzamento per la proposta venuta dai Consiglieri comunali e ha indicato il “Giardino terapeutico” come possibile servizio da far nascere con il contributo di tutti, attraverso la raccolta fondi. “Sarebbe un bel modo – ha detto Vassallo – per testimoniare la fiducia dei cittadini di Bollate, Novate e Baranzate per l’importante servizio che sarà realizzato in quello che, da tutti, è considerato l’Ospedale dei bollatesi”.