Una convenzione con la Parrocchia per Cascina del Sole

560

L’Amministrazione Comunale e la Parrocchia S. Antonio da Padova di Cascina del Sole insieme per promuovere le attività per il triennio 2019-22. La collaborazione, nell’ambito del più ampio progetto di riqualificazione urbana e culturale della frazione di Cascina del Sole, ha portato alla sottoscrizione di una Convenzione che prevede l’utilizzo, da parte del Comune, dell’Auditorium Don Bosco per 36 giornate, da luglio 2019 a giugno 2022.

In cambio, l’Amministrazione ha concesso un contributo una tantum di 20mila euro per interventi di manutenzione e messa in sicurezza dell’Auditorium. In questo modo verrà garantita una migliore e più funzionale fruizione della sala da parte del Comune, che intende utilizzarla per rassegne teatrali, cinematografiche, musicali e qualsiasi altra iniziativa promossa con l’obiettivo di coinvolgere la collettività bollatese e sostenere lo sviluppo della frazione. Ma sarà anche un’opportunità in più per scuole, associazioni, gruppi e comitati che potranno servirsi dei locali per attività istituzionali, sociali ed artistico-culturali.

“Il rilancio e lo sviluppo della frazione di Cascina del Sole – dice l’Assessore al marketing territoriale, Lucia Rocca – rappresentano un obiettivo fondamentale di questa Amministrazione. Già dall’inizio del mandato sono state promosse varie iniziative (musicali, teatrali ecc.) nella frazione e lo stesso Auditorium Don Bosco è stato utilizzato per eventi come la Festa della Donna, la Settimana della Legalità, la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne. A fine 2018, inoltre, è stato raggiunto un importante risultato con l’apertura della Casa delle Donne nei locali comunali di via Monte Grappa, che si aggiunge agli importanti interventi di riqualificazione urbana delle piazze Terraccini e Falcone”.

L’accordo sottoscritto in questo giorni prosegue e completa le attività messe in campo finora con un desiderio di offrire eventi di livello a favore non solo dei residenti nella frazione ma dell’intera comunità bollatese.