Musica dei Cieli – Voci e musiche nelle religioni del mondo 2018

361

La ventiduesima edizione “La Musica dei Cieli – Voci e musiche nelle religioni del mondo” è una rassegna che propone diverse produzioni originali, segnalandosi come crocevia di linguaggi musicali, un ponte fra le molteplici tradizioni come occasione di lettura del sacro a partire dalla musica di oggi. Una meravigliosa occasione di imparare e scoprire diversi modi di vivere la musica: le voci e le musiche presentate veicolano infatti un messaggio di tolleranza e dialogo tra le diverse religioni, nell’ottica di una comprensione reciproca e di un arricchimento culturale in una società che accoglie persone e culture un tempo lontane.
Una serie coordinata di concerti in tutta la Lombardia che promuove la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso le molteplici musiche della spiritualità, un’occasione per riflettere e confrontarsi sul sacro e la religiosità che i nostri tempi tendono a semplificare e a omologare ai processi di comunicazione. Il linguaggio universale della musica può invece essere una delle prassi privilegiate di decodifica del nuovo millennio, un vero ponte tra civiltà diverse.

All’interno della rassegna due sono gli interessanti appuntamenti a Bollate realizzati dal Comune di Bollate in collaborazione con FAR – Fondazione Augusto Rancilio. “Anche in questa edizione si conferma il potente messaggio – dice l’Assessore alla Cultura e Pace, Lucia Albrizio – racchiuso in questa rassegna: il confronto fra culture e vibrazioni spirituali che, preziose nelle loro diversità, sono tese in un’unica direzione che è quella dell’unione, della gioia e della pace. Ancora una volta siamo orgogliosi di offrire un appuntamento ormai aspettato e richiesto dalla nostra Città che per questa edizione vede coinvolte due chiese del nostro territorio: la parrocchia di San Martino e la Parrocchia di San Guglielmo a Castellazzo con un concerto realizzato in collaborazione con FAR – Fondazione Augusto Rancilio”.

La Musica dei Cieli – Voci e musiche dal mondo è un progetto di BEATMI con il contributo di MIBAC e di Regione Lombardia – Il Consiglio. Ecco le date di Bollate.

Lunedì 10 dicembre 2018 – ore 21
RADIODERVISH

Bollate – Chiesa San Martino
Piazza della Chiesa

I Radiodervish sono il gruppo che più di ogni altro ha definito appieno una poetica e una visione del mondo schierata dalla parte di un’Italia ponte tra Europa e Mediterraneo. Il loro nuovo lavoro “Il Sangre e il Sal” raccoglie canzoni ispirate ad un cammino mediterraneo, non tanto alla ricerca delle grandi civiltà, quanto per raccogliere frammenti di un’enciclopedia pratica di conoscenze esteriori ed interiori. Una rapsodia di suoni alle radici di un Mediterraneo fatto da persone con echi di grandi autori da Omero fino a Kostantin Kavafis e Pier Paolo Pasolini. Un’immersione in atmosfere reali con suoni d’ambiente – Il mare, gli echi della guerra, i check point, il vento, le onde – che diventano musiche e testi. Racconti di vita e di morte, di amore e di astio, di guerra e di pace, di sogni e di speranze.

Domenica 16 dicembre 2018 – ore 15.30
AEHAM AHMAD

Castellazzo di Bollate – Chiesa Parrocchiale di San Guglielmo
Via Madonna Fametta, 2

Classe ’89, Pianista. Lavora nel negozio di strumenti musicali di suo padre, violinista non vedente. Porta il suo pianoforte in strada con un carretto e canta per la gente strematadall’assedio delle truppe di Assaddai jihaidisti, dai bombardamenti e dalla fame. Aeham Ahmad diventa “il pianista di Yarmuk”, campo profughi palestinesi alle porte di Damasco. I video che lo ritraggono suonare sui cumuli di macerie fanno il giro del mondo e tutto il mondo conosce la sua storia. I miliziani dell’ISIS bruciano il suo pianoforte, egli decide di parire e ragginge Berlino a piedi, trova rifugio in un vecchio motel abbandonato, dove c’è un pianoforte. Ricomincia a suonaree e canta per i bambini sballottati dall’esilio. Inizia a fare concerti.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Numero verde 800 474747
www.comune.bollate.mi.it
www.villaarconati-far.it

Calendario completo della rassegna, cliccando qui.