Il Comune programma interventi sulle piante per la messa in sicurezza e per la ripiantumazione

363

In seguito a verifiche effettuate in questi mesi da Gaia Servizi che ha indagato lo stato delle piante cittadine ad alto fusto catalogandole per stato di salute e pericolosità divisa per zona, il Comune di Bollate ha ora un quadro sulla salute del verde pubblico.

L’Amministrazione comunale, in questo modo, ha potuto attribuire ad ogni zona una priorità di intervento (1 – elevata, 2 – intermedia, 3 – bassa) in funzione delle condizioni degli alberi presenti, del tipo di zona e di fruizione, del grado di frequentazione e della presenza di possibili bersagli, fissi o mobili, che potrebbero essere colpiti in caso di cedimento. Per fare un esempio, la priorità elevata è stata attribuita a tutti i giardini scolastici dove sono stati individuati alberi potenzialmente pericolosi.

In particolare, dalla prima fase dell’indagine effettuata, risulta che, in totale, gli alberi a rischio elevato sono 68.

“Le verifiche effettuate al fine di garantire le condizioni di sicurezza e di incolumità pubblica – spiega l’Assessore all’Ambiente Vania Bacherini – hanno consentito di rilevare una situazione precaria per alcuni alberi e la necessità di intervenire rapidamente. A fronte di questa necessità, però, deve essere chiaro che stiamo anche approntando un Piano di integrazione di alberi esistenti che impegnerà risorse per 80mila euro”.

Si tratterà della messa a dimora di piante con una circonferenza del fusto di 18/20 cm o di 3/3,5 metri di altezza. Le piantumazioni verranno effettuate in questa stagione agronomica e l’Amministrazione comunicherà i luoghi dei posizionamenti nel momento in cui il Piano sarà definito per tutta la città. “Comunque sempre in un’ottica di massima attenzione e di massimo impegno per garantire una città verde, sia per motivi estetici che ambientali. Come d’altronde previsto e precisato dal nostro Regolamento del verde approvato da poco in Consiglio comunale – conclude l‘Assessore Bacherini”.