Contro le irregolarità a spese dei cittadini, arriva il Difensore civico

498

Illegittimità o irregolarità amministrative, iniquità o discriminazioni, mancanza di risposta o rifiuto d’informazione o d’accesso agli atti amministrativi, ritardi ingiustificati, carenza qualitativa dei servizi e simili. Contro tutti questi casi di cattiva amministrazione, a Bollate arriva il Difensore civico.

Il nuovo servizio è stato proposto del Sindaco Francesco Vassallo e approvato dal Consiglio comunale che ha dato il via libera al protocollo di intesa con il Difensore Civico della Regione Lombardia. “Si tratta – spiega Vassallo – di una figura che la legge regionale ha previsto per tutelare i diritti e gli interessi dei cittadini e degli altri soggetti della società civile (associazioni, imprese, comitati) nei confronti della Regione Lombardia e delle altre Amministrazioni pubbliche rientranti nella sua competenza. Sarà un’opportunità in più per i cittadini di Bollate per far valere i lori diritti”.

Il servizio sarà gratuito e aperto a tutti, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Più nel dettaglio, si potrà ricorrere al Difensore civico per eliminare episodi e cause di cattiva amministrazione; chiedere documenti (il difensore non ha il limite del segreto d’ufficio); accertare che i procedimenti amministrativi abbiano regolare corso e che i provvedimenti siano adottati correttamente e nei tempi previsti; segnalare problemi per far suggerire agli Enti e agli Uffici pubblici eventuali soluzioni. Inoltre il Difensore può decidere i ricorsi avverso il diniego (o il differimento) del diritto d’accesso ai documenti amministrativi, consigliare le iniziative da intraprendere e indirizzare il cittadino per questioni che esulano dalla sua competenza.

A Bollate il servizio sarà organizzato con uno sportello comunale dedicato che si occuperà di raccogliere la richiesta del cittadino e di inoltrarla agli uffici del Difensore civico. Sarà quest’ultimo poi a gestire la questione e a prendere contatto direttamente con il cittadino per aggiornarlo sulle attività che lo riguardano.