Car sharing, in cosa consiste il nuovo servizio di E-Vai

396

Un innovativo modello di car sharing che prevede l’utilizzo condiviso di un veicolo elettrico di ultima generazione tra Amministrazione comunale e cittadinanza. È attivo dal 1° settembre il servizio E-Vai PUBLIC che nasce dalla collaborazione tra E-Vai, la società di car sharing del Gruppo FNM e il Comune di Bollate, nell’ambito del progetto europeo I-SharE LIFE, dedicato proprio alla sperimentazione di nuovi modelli di car sharing adatti anche a centri di piccole o medie dimensioni.

AUTOMOBILE IN CONDIVISIONE – Il Comune di Bollate si è dotato di un’automobile elettrica, in sostituzione di una con motore endotermico, con un’autonomia di 400 km ed un risparmio di 2,7 tonnellate di CO2 all’anno. Il veicolo è a disposizione del personale ed è condivisa con la cittadinanza come servizio di car sharing. I cittadini possono richiedere l’auto, dopo essersi registrati al servizio, attraverso l’app, dal sito www.e-vai.com o al numero verde 800.77.44.55, ritirandola e riconsegnandola nei due nuovi E-Vai Point realizzati presso le stazioni di FERROVIENORD Bollate Centro e di Bollate Nord.

I VANTAGGI DELL’ECOSISTEMA BOLLATE – L’innovativo modello E-Vai PUBLIC offre vantaggi sia per i Comuni sia per la cittadinanza. L’Amministrazione comunale raggiunge l’obiettivo di adottare un parco macchine ecologico, abbattendo l’impatto ambientale della propria flotta e offre al contempo un servizio aggiuntivo alla cittadinanza, con la presenza del car sharing in territori non raggiunti da altri operatori del settore. Il cittadino ovviamente può usufruire della comodità di disporre di un autoveicolo elettrico per le proprie esigenze di mobilità senza assumersi gli oneri della proprietà del mezzo.

A Bollate si è realizzato un ecosistema virtuoso, con l’apertura di dei nuovissimi E-Vai Point presso le 2 stazioni ferroviarie, ciascuno con 2 colonnine di ricarica, aperti anche ai privati oltre che al car sharing, che permettono una mobilità intermodale sostenibile con i treni di Trenord. Con Bollate sono 55 le località raggiungibili dal circuito E-Vai per un totale di 110 E-Vai Point nella rete della Regione Lombardia, che comprende anche i 3 principali aeroporti regionali.

Anche 2 grandi aziende del territorio, Pirelli e Solvay, partecipano attraverso i propri dipendenti, che hanno partecipato a test drive. Solvay ha anche acquisito un veicolo elettrico E-Vai per uso dei propri dipendenti e che potrà essere utilizzato per i pendolari che utilizzano le stazioni ferroviarie.

“Per la nostra città è un’opportunità nuova e innovativa – commenta Francesco Vassallo, Sindaco di Bollate – che ci offre la possibilità sia di pensare in modo ecologico alla dotazione del Comune sia di mettere a disposizione dei cittadini un servizio in più, utile per piccoli spostamenti in città ma anche per il collegamento con gli aeroporti milanesi, verso i quali è prevista un’attività più strutturata che consente di lasciare l’auto direttamente all’arrivo senza doverla riportare all’E-vai point come avviene per il servizio cittadino”.

“E-Vai PUBLIC è una soluzione che risponde in modo innovativo all’esigenza di mobilità sostenibile in forte crescita in tutto il territorio lombardo – aggiunge Augusto De Castro, Consigliere delegato di E-Vai –. Grazie alla collaborazione delle amministrazioni comunali come Bollate, il car sharing può arrivare anche in realtà locali non raggiunte dai grandi operatori, riducendo il ricorso all’auto privata da parte dei cittadini e rendendo più efficiente e sostenibile la gestione del parco vetture del Comune. Mi pare che in particolare a Bollate, con il supporto dell’amministrazione comunale, sponsor del progetto europeo I-SharE LIFE che coinvolge anche alcune aziende, si siano poste le basi per una maggiore diffusione della mobilità sostenibile e condivisa”.

PER SAPERNE DI PIU’
Per costi, modalità del servizio e iscrizioni alla piattaforma (indispensabile per usufruire del servizio): clicca qui.